La rinascita del Corpo Bandistico

Al ritorno dal campo di concentramento di Dachau (D) il parroco Mons. Ludovico Aldrighetti nel 1947 volle rifondarla con la denominazione di "Corpo Bandistico di Soave".

Il dott. Piero Pomini fu il primo Presidente e la direzione venne affidata al M° Guido Capitanio, coadiuvato da Silvio Zanini. Al dott. Pomini subentro nella presidenza Giovanni Schibuola e poi il M° Guido Minchio coadiuvato da Walter Cavestro. Dopo la morte di Mons. Ludovico Aldrighetti, in occasione del 45° anno di fondazione della Cantina Sociale di Soave, i musicisti vollero aggiungere la denominazione che la Banda porta tutt'oggi in suo onore.

Vennero organizzati i primi corsi gratuiti di orientamento musicale per allievi, a cura dei Maestri: Luigi Corsini, Bruno Lapolla e Aldo Furlato. La svolta più importante nella storia del complesso avvenne nel 1978, quando divenne Direttore il M° Dario Menini, con vasta esperienza di orchestra nelle manifestazione areniate e nei più prestigiosi gruppi orchestrali veneti. Introdusse con pazienza e bravura nuovi metodi di insegnamento e di repertorio.

Aumentò il numero degli effettivi e quello dei servizi nel Veneto ed in altre Regioni.Nel 1980 si esibì a Telepace e organizzò il primo raduno provinciale ANBIMA.Alla breve presidenza di Aldo Bonturi, nel 1981 subentrò Leonello Moroso, coadiuvato da Walter Cavestro, fino al 1985 quando divenne presidente l'Avv. Luciano Castegini.


Continua